Lettera di Credito



La lettera di credito rappresenta un documento di garanzia che viene emesso da un istituto di credito, su richiesta di un ordinante, al fine di potergli far ottenere un finanziamento da terzi, quali istituti bancari, finanziari o fornitori. L'acquirente riceverà una determinata somma dalla banca, impegnandosi nel contempo a restituirgliela in un determinato periodo, precedentemente accordato, somma che verrà versata al venditore al fine di ottenere i beni o i servizi richiesti. La banca diventerà garante di tale prestito e terrà sotto controllo la sua evoluzione. Viene molto usata nei commerci internazionali, sia per le importazione che le esportazioni., in quanto sia il compratore che il venditore hanno la sicurezza di non andare incontro a problemi di insolvenze.

I soggetti che intervengono nelle aperture di lettere di credito sono quattro, ovvero:



- l'ordinante o richiedente che è il cliente della banca ed importatore delle merci, richiede la lettera a favore del suo fornitore estero - il beneficiario che è l'esportatore estero delle merci - la banca emittente, ovvero quella dell'importatore su cui si dispone l'apertura del credito - la banca avvisante, ovvero la banca corrispondente dove avverrà l'utilizzo del credito

Richiedendo la lettera di credito, il venditore ha la garanzia che verrà pagato mentre il compratore ha la certezza di veder saldato il suo debiti alla scadenza pattuita. Prima della sottoscrizione del documento, il richiedente dovrà accordarsi con l'istituto di credito per quanto riguarda la durata della lettera, i tempi di consegna dei beni, il periodo di rimborso del finanziamento ed i costi da sostenere.

La banca che ha emesso la lettera di credito potrà richiedere il rimborso del prestito al suo sottoscrittore in contanti, con pagamento dilazionato, con l'accettazione di emissione di tratta oppure con una negoziazione di documenti stabiliti dall'istituto di credito.

Per emettere la lettera di credito, l'istituto bancario richiede obbligatoriamente la fattura o le fatture comprovanti l'acquisto dei beni, la distinta di carico, tutti i documenti di trasporto quali la lettera di vettura a conferma della avvenuta presa in carico della spedizione da parte del vettore, la polizza di carico e quant'altro. Inoltre ha la facoltà anche di richiedere un certificato di ordine, un certificato sanitario se si tratta di prodotti alimentari, un certificato che attesti la qualità delle merci acquistate, un documento assicurativo e molto altro.

Il documento assicurativo dovrà essere firmato dalla compagnia assicuratrice, indicare specificatamente il momento in cui inizia la copertura, essere emessa nella stessa moneta del credito ed indicare il valore assicurativo che si garantisce

La lettera di credito deve contenere:

- i dati della o delle fatture
- i nominativi dell'acquirente e del venditore con i relativi dati identificativi
- luogo e data di partenza e di arrivo della merce
- gli estremi identificati della polizza di carico e dei documenti di viaggio
- le eventuali indicazione di visti e certificati relativi alle merci
- il tragitto che deve compiere la merce acquistata
- le caratteristiche del mezzo che trasporta la merce, ovvero nave o aereo
- eventuali caratteristich organolettiche dei prodotti
- indicazioni di potenziali cali o deterioramenti che le merci potrebbero subire durante il viaggio
- il tipo di credito acceso
- l'importo del credito che potrà essere indicato, in modo esatto oppure approssimativo, con uno scarto, non eccedente in più o in meno, del 10%

La lettera di credito è soggetta ad un costo, differente da istituto ad istituto, anche se nella maggior parte dei casi si aggira tra l'1 e il 3% conteggiato sul valore del credito richiesto ed ottenuto.